La bietola appartiene alla famiglia delle Chenopodiacea, la stessa famiglia degli spinaci, delle barbabietole e delle rape rosse.

Facciamoci del Benessere

Bietola: un mix di antiossidanti dalle proprietà antitumorali e antidiabetiche

La bietola appartiene alla famiglia delle Chenopodiacea, la stessa famiglia degli spinaci, delle barbabietole e delle rape rosse.

Si tratta di una varietà di verdura coltivata fin dall’antichità: i romani utilizzavano le foglie di bietola come cibo e le sue radici come piante medicali.

In Italia le tipologie di bietola più consumate sono la Bietola a Costa Bianca e la Bietola erbetta da taglio.

chard-5370_1280.jpgLa bietola è probabilmente una delle verdure più apprezzate e consumate in tutto il mondo che, grazie al sapore delicato e all’elevata digeribilità, è molto adatta anche nell’alimentazione dei più piccoli. Queste caratteristiche unite al basso potere calorico (17 Kcal/100g) e ad un alto valore nutrizionale, la rendono molto indicata nelle diete.

La bietola è una buona fonte di fibra, di Vitamine A, E, alcune del gruppo B, compresa la Vitamina B9, anche conosciuta come Acido Folico, e minerali come il Ferro, il Potassio, il Calcio, il Fosforo e il Magnesio.

Proprio l’alto contenuto di Potassio e il basso contenuto di Sodio, la rendono una verdura idonea anche a chi soffre di pressione alta.

In passato, le bietole sono state utilizzate per i loro effetti benefici, in particolare per le loro proprietà antianemiche, grazie alla presenza del ferro, dell’acido folico e come cibo protettivo nei confronti di reni, fegato e intestino.

Oggi, la moderna scienza ha dimostrato l’effetto antidiabetico, antinfiammatorio, antiossidante e antitumorale di queste verdure.

Le proprietà antidiabetiche delle bietole sono da attribuire a tre sostanze in particolare: saponine, quercitina e flavonoidi (antiossidanti) che, agendo insieme alle fibre presenti, sono in grado di ridurre del 40% i valori glicemici. Perciò, un ampio consumo di queste verdure è assolutamente consigliabile per chi ha la necessità di regolare i livelli di glucosio nel sangue.

Le bietole, però, svolgono anche un’attività antinfiammatoria grazie all’attività dei composti fenolici.

I composti fenolici e flavonoidi sopracitati sono alcuni degli antiossidanti presenti in queste verdure che, oltre a svolgere un’attività antinfiammatoria, proteggono dallo stress ossidativo e dai radicali liberi.

 In base a studi condotti di recente, l’apigenina, una tipologia di flavonoidi contenuti nella bietola, ha dimostrato di avere un effetto antitumorale nei confronti del tumore al colon.

La bietola, quindi, rientra a tutti gli effetti tra le verdure che la natura ci offre per proteggere la nostra salute.

 

 
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie.   Maggiori informazioni