Tutti gli articoli
I soci si raccontano / Facciamoci del benessere / Gli orti di Maria Elena

Tutti i nostri post, in ordine cronologico
Gli orti di Maria Elena

La rava e la fava

A volte lo si usa nella parlata familiare, un tempo lo si utilizzava di più; è un vecchio modo di dire: parlare della rava e della fava significa parlare di cose inutili ma anche di entrare nel dettaglio delle piccole cose. Questione di rima? Certo, ma soprattutto per raccontarvi, nel dettaglio, di alcuni ortaggi semplici e meravigliosi.
Continua a leggere
I Soci si Raccontano

Gli orti di Gianni

Ieri sono andata da Gianni Marzaduri, a comprare le zucchine bolognesi, quelle chiare per interderci. Anche lui si trova sulla Via degli Orti e, con mia piacevole sorpresa, ho scoperto che oltre alle zucchine potevo acquistare asparagi e fragole, cipolle e fagiolini. Le primizie di stagione insomma.
Continua a leggere
Gli orti di Maria Elena

Fragola candonga che fa rima con milonga

Ho pensato a questo titolo per una intro dedicata all’inclinazione sensual-musicale della fragola, complice la mitologia popolare che ha attribuito nel tempo a questo falso frutto, per forma e colore, il nome di frutto cuore, con una particolare capacità nel favorire le passioni d’amore.
Continua a leggere
Gli orti di Maria Elena

Crescioni o cassoni ?

Entrambi. Questa volta i termini sono entrambi giusti. I crescioni e i cassoni sono, nella sostanza simili, non uguali; un romagnolo mi toglierebbe il saluto se dicessi che sono uguali! E qual’è la differenza? Seguitemi e ve la svelo.
Continua a leggere
Gli orti di Maria Elena

Il carciofo, l'ortaggio petaloso

Se c’è un ortaggio con i petali, come un fiore, questo è il carciofo. Ha l’armatura di un guerriero, il cuore tenero e si lascia sfogliare come un fiore. Così ce lo descrive Pablo Neruda nella sua Ode. E anche a noi piace quest’ambivalenza: sfogliare i suoi duri e coriacei petali per arrivare alla bontà del suo cuore.
Continua a leggere
Gli orti di Maria Elena

Arancia bionda o arancia rossa?

Come se fossero delle belle figliole: “Le piacciono bionde o rosse?”, mi chiede l’ortolano, appostato sulla Via degli Orti con il suo piccolo camion targato CT, semi aperto, con le decine e decine di casse di arance che ha trasportato fino a qui.
Continua a leggere
Gli orti di Maria Elena

Monsieur le Porro

Proprio cosi mes amis, il porro è il principe degli ortaggi in Francia, che detiene i natali delle varietà più diffuse, come il porro invernale di Parigi, che ha steli lunghi e sottili, e quello di Carentan, con il fusto più grosso.
Continua a leggere
Gli orti di Maria Elena

Radicchio o cicorino ?

Mi è capitato spesso, al mercato delle erbe della Via degli Orti, sentire alcune massaie ordinare del cicorino, altre invece dei radicchi, e poi vedere il fruttivendolo o l’ortolano di turno, dare loro la stessa verdura. L’avete notato anche voi qualche volta?
Continua a leggere
Gli orti di Maria Elena

Quella delizia chiamata cavolo nero

Le vie di Firenze erano ancora deserte quando sono arrivata. Palazzo Strozzi mi accoglie con il fascino di chi ha oltre 500 anni e che sa presentarsi con l’eleganza delle occasioni migliori. Anche la fila per il biglietto diventa un momento per vivere l’atmosfera densa di storia che nelle sale e nei cortili si può respirare.
Continua a leggere
Gli orti di Maria Elena

Arancia, il frutto d'oro

Si narra che Gaia, La Terra, regalò ad Hera, nel giorno in cui questa diventò sposa di Zeus, un albero dagli splendidi frutti color dell’oro. Hera decise di non condividere con altri questo delizioso e prelibato segreto e affidò a tre giovani ninfe, le Esperidi, figlie del titano Atlante, le chiavi del giardino in cui le sfere dorate maturavano. Le ninfe però, tentate dalla succosità dei frutti, di tanto in tanto ne raccoglievano e le tenevano per sè.
Continua a leggere
Gli orti di Maria Elena

Lenticchie porta fortuna

Anche quest’anno sta finendo e come sempre i commenti riprendono frasi già dette e ripetute. E’ volato via…mi sembrava ieri che stavamo festeggiando il capodanno 2015 e invece…meno male che finisce…per un anno così ci farei la firma..
Continua a leggere
Gli orti di Maria Elena

Il profumo del Natale

Se il profumo di Natale si potesse conservare in una bottiglietta di vetro, come una Eau de Toilette, o in una scatoletta sigillata, in una lattina sotto vuoto, Voi cosa ci mettereste dentro?
Continua a leggere
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie.   Maggiori informazioni