Oggi in tavola

Frullato cachi e pere

Livello di difficoltà:

Tempo:

Ingredienti

1 caco
1 pera
125 g yogurt bianco
1 dl circa di latte fresco intero
Zucchero

Preparazione

Scegliete sempre prodotti di stagione e maturi, in particolare per il caco utilizzate un prodotto ben maturo. Attenzione: se si utilizza il caco non sufficientemente maturo, il suo sapore è astringente perché ricco di tannini e quindi non sprigiona nel frullato la sua dolcezza e il suo sapore. Sbucciate la pera ed eliminate i semi. Tagliatela a pezzetti ed inseriteli nel frullatore. Successivamente spellate il caco, eliminate i semi ed  inseritelo a sua volta nel frullatore. Aggiungete il latte, lo yogurt e un cucchiaino di zucchero. Le dosi di questi ultimi ingredienti possono variare in funzione dei vostri gusti, più o meno dolce, più o meno denso. Se lo preferite più liquido utilizzate più latte, se lo desiderate più denso abbondate con lo yogurt.
Visto le forti proprietà energetiche, questo frullato è adatto a chi pratica sport o a chi sta in movimento, ai bambini o a chi ha voglia di tirarsi un po’su.
Stampa ricetta in PDF

Condividi con:

Cerca per ingrediente

Cerca altre ricette sul nostro sito, inserisci il tuo ingrediente preferito e fatti consigliare la ricetta del giorno:

I Soci si raccontano

08 novembre 2016

La terra dei cachi? La trovate da Stefano Zavoli

Di regola dovrebbe trovarsi in Asia, dove questo antichissimo albero da frutto fu per prima coltivato, ma io sono andata più vicina, in quel di Romagna, là dove la Via degli Orti inizia a vedere il mare: da Stefano Zavoli, socio Agribologna, dove i cachi vengono bene, come in Cina o Giappone
Continua a leggere
21 ottobre 2016

Non far sapere al contadino quant'è buono il formaggio con le pere

Quest'adagio lo conosciamo tutti. Dietro a questa frase c'è tanta storia contadina, i rapporti fra padrone e contadino, quando quest’ultimo era tenuto in piena soggezione e tutti i prodotti migliori venivano sottratti per la mensa del proprietario. Bisognava tenere pertanto il contadino all'oscuro di queste prelibatezze per evitare che si trattenesse i prodotti per sé.
Continua a leggere
08 ottobre 2015

La stagione dei cachi

Autunno, stagione dei cachi. Se c’è un frutto che marca questo periodo è questa piccola sfera arancione, dalla pelle lucida, tesa, quasi trasparente. I cachi o kaki, frutti del Diospiros Kaki, un nome che già ci introduce nella leggenda: dal greco Dios cioè dio, mentre pyros significa frumento, a sottolineare l'importanza di questo frutto nell’alimentazione umana.
Continua a leggere
15 settembre 2017

Una pera di cognome Williams

Sono sempre stata curiosa di conoscere le origini dei nomi delle mele o delle pere. In genere non sono termini tecnici ma hanno una radice nella storia del frutto o del territorio di appartenenza. È la pera Williams ne è la prova. La pera Williams, noi italiani la “s” spesso la togliamo, è un cultivar inglese della metà ottocento. E già da questo primo aspetto la Williams si ammanta di un “sapore” romantico.
Continua a leggere
23 settembre 2017

Pera, dolce frutto autunnale, poco calorico ma molto benefico per il nostro cuore e intestino.

 Le pere sono il frutto, o per meglio dire, il falso frutto (il vero frutto è il torsolo) degli alberi del genere Pyrus. Sono frutti di media grandezza originari dell’Europa e dell’Asia orientale , di cui esistono diverse varietà: pere William, pere Max Red Bartlett, pere Decana, pere Abate Fétel, pere Kaiser, pere Conference, pere Spinella, pere Nashi e altre varietà.
Continua a leggere
09 ottobre 2017

I cachi: rimedio naturale per colesterolo e ipertensione

 I Cachi o kaki sono dei frutti carnosi e fibrosi appartenenti alla famiglia delle Ebenaceae. Sono frutti coltivati comunemente in regioni calde del mondo come la Cina, la Korea, il Giappone, Brasile, Turchia e Italia. Molto spesso si tende a consumare poco questo frutto, perché considerato troppo zuccherino e calorico o semplicemente perché “fa ingrassare”.  Nulla di più sbagliato.  Non sarà certo mangiare dei cachi che ci farà ingrassare, ma mangiarli ci farà prevenire numerose patologie.
Continua a leggere
30 maggio 2018

Roberto Tusarelli, non solo fragole...

Ma anche ciliegie, zucchine, pomodori, albicocche e pere. Un orto di altri tempi con la stalla e il fienile, il vecchio silos del grano e l'aia con le galline. Un orto moderno con il fienile trasformato in fattoria didattica e la stalla in negozio e ristoro per il viaggiatore in cerca della natura genuina.
Continua a leggere
Cachi
Questo l'ho fatto io

Noi soci del Consorzio Agribologna produciamo la frutta e gli ortaggi convinti che devono essere buoni, sani e genuini. I nostri metodi di coltivazione seguono i capitolati SQNPI relativi alla produzione integrata, utilizzando fertilizzanti di materia organica, insetti utili e tecniche agronomiche rispettose dell'ambiente e della salute del consumatore.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie.   Maggiori informazioni