Oggi in tavola

Castagne - Mistocchine bolognesi

Livello di difficoltà:

Tempo:

Le ricette di Maria Elena

Quest'anno nelle nostre colline ci sono pochi marroni e castagne un po' per la siccità e un po' per effetto degli attacchi del cinipide, il parassita cinese che fa seccare gli alberi ed ha provocato nei boschi italiani una vera strage.

Dovendomi accontentare di quel che passa il mercato, ho rispolverato, ed è veramente il caso di dirlo, una antica ricetta popolare, ormai poco praticata: le mistocchine.

Ricordo che anche mia madre le faceva, ma la memoria va' oltre e si fissa su una vecchierella che sostava sotto i portici di Bologna e che faceva per strada, insieme alle caldarroste, anche queste piccole schiacciatine dolci a base di farina di castagne.

Le mistocchine sono infatti una miscela di farina di castagne e acqua aromatizzata con semi di anice, a cui si può aggiungere della buccia di limone.

Erano destinate ai bambini, ma poi erano per tutti: fatte su una piastra arroventata, si gustavano calde, una vera iniezione di calore nelle giornate umide, nebbiose o piovose di novembre e dicembre. Questa vecchierella stava sotto il portico, fra una colonna e un paravento, per proteggere il fuoco dal vento, con un trespolo utilizzato per la piastra di cottura alimentata a legna ed era bianco vestita, come si usava nel tempo antico, una sorta di divisa, con fazzoletto in testa, grembiule, manicotti calze e ciabatte tutte di colore bianco. Dopo averle fatte le teneva al caldo in un canestro di paglia rivestite di panno.

Cibo di strada o finger food, che non si trova più, se non nelle sagre di paese dedicate alle castagne e che vi ripropongo nella ricetta tradizionale.

Ingredienti

  • Farina di castagne
  • Acqua
  • Qualche goccia di anice
  • Zucchero a velo

Preparazione

Sulla spianatoia mescolate la farina con poca acqua tiepida e qualche goccia di anice, fino ad ottenere un impasto abbastanza sodo e compatto da spianare con il mattarello, dello spessore di mezzo centimetro. In alternativa potete anche fare delle palline grandi come delle noci e poi stenderle con le mani.

Ritagliate, aiutandovi con una tazza, dei dischetti che farete asciugare per qualche minuto e poi metterli ad arrostire su una piastra bollente per crepes e piadine o una padella antiaderente. Vanno servite calde, volendo con una spolverata di zucchero a velo, e un buon bicchiere di vino novello.

Stampa ricetta in PDF

Condividi con:

Cerca per ingrediente

Cerca altre ricette sul nostro sito, inserisci il tuo ingrediente preferito e fatti consigliare la ricetta del giorno:

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie.   Maggiori informazioni