Oggi in tavola

Gazpacho

Livello di difficoltà:

Tempo: 30 minuti

Persone: 2/3

Ingredienti

g 200 di pomodoro Pellerossa 
g 20 di cipolla rossa di Tropea
g 50 di cetriolo
g 50 di peperone giallo
1 costa di sedano per guarnizione
Sale e pepe q.b.
Un cucchiaio di olio Evo
Un goccio di aceto rosso di vino
2 cubetti di ghiaccio 
 
 

Preparazione

Pulite e lavate tutte le verdure.  Prendete il cetriolo, il peperone e la cipolla e tagliateli a pezzi abbastanza grandi, tagliate metà i pomodori. Inserite tutte le verdure tagliate nel frullatore. Aggiungete il ghiaccio, un pizzico di sale, pepe, un cucchiaio di olio Evo (non particolarmente aggressivo) e un goccio di aceto rosso di vino.  Azionate il frullatore e lasciate frullare molto bene fino ad ottenere una crema  omogenea. Versate un in un bicchiere e guarnite con un gambo di sedano. 

Consiglio: nelle giornate afose è possibile anche preparare una caraffa di gazpacho e lasciarla raffreddare in frigorifero.
Stampa ricetta in PDF

Condividi con:

Cerca per ingrediente

Cerca altre ricette sul nostro sito, inserisci il tuo ingrediente preferito e fatti consigliare la ricetta del giorno:

I Soci si raccontano

19 settembre 2016

Cipolle dorate, bianche, rosse? Le migliori sono quelle di Loris

A me piacciono le cipolle. Non è un mistero. Nemmeno per chi viene a trovarmi quando sanno che ho fatto il friggione o il tortino di patate, pomodori e cipolle, piatti che mi riescono bene, e che vengono letteralmente divorati. Ma il vero merito non è la mia abilità culinaria, ma la materia prima: le cipolle di Loris!
Continua a leggere
30 giugno 2016

Barbara, Francesco e Riccardo: i Pellerossa

Barbara, Francesco e Riccardo sono i miei amici produttori dei pomodori Pellerossa, i miei pomodori preferiti. Sono soci del Consorzio Agribologna e hanno avuto la forza e l'intraprendenza di riprodurre in una condizione di assoluta assenza di fattori chimici la coltivazione dei pomodori, sfruttando solo le forze della natura: il sole, l'acqua e, nei mesi più freddi, il calore pulito dell'acqua calda di un impianto a biomassa adiacente alla serra.
Continua a leggere
30 ottobre 2017

Da Massimo Tufo la lattuga iceberg ha un cuore vero

Incontrare Massimo vuol dire entrare in contatto con il mondo contadino della Romagna, là dove la Via degli Orti è ormai prossima al mare, e sopratutto incontrare la saggezza romagnola mixata con la tenacia di chi ha le spalle generazioni di agricoltori, mostrata prima al Sud, da dove è venuto, e poi qui, per rimodellare una campagna generosa.
Continua a leggere
30 maggio 2018

Roberto Tusarelli, non solo fragole...

Ma anche ciliegie, zucchine, pomodori, albicocche e pere. Un orto di altri tempi con la stalla e il fienile, il vecchio silos del grano e l'aia con le galline. Un orto moderno con il fienile trasformato in fattoria didattica e la stalla in negozio e ristoro per il viaggiatore in cerca della natura genuina.
Continua a leggere
Pomodori pellerossa
Questo l'ho fatto io

Noi soci del Consorzio Agribologna produciamo la frutta e gli ortaggi convinti che devono essere buoni, sani e genuini. I nostri metodi di coltivazione seguono i capitolati SQNPI relativi alla produzione integrata, utilizzando fertilizzanti di materia organica, insetti utili e tecniche agronomiche rispettose dell'ambiente e della salute del consumatore.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie.   Maggiori informazioni