Oggi in tavola

Il Rumtopf

Livello di difficoltà:

Tempo:

Le ricette di Maria Elena

Il Rumtopf è il modo tipico, molto diffuso in Germania, per conservare la frutta sotto rum e zucchero. E' un po' una derivazione della nostra frutta sotto spirito.
La particolarità riguarda il fatto che si inizia a mettere la frutta con il rum in un particolare vaso di terracotta smaltato in aprile - maggio e si finisce a ottobre, in quanto deve essere pronto per la prima domenica dell'avvento e quindi per tutto il periodo natalizio.
Io ho iniziato ad amare il Rumtopf nelle mie prime esperienze in terra germanica, acquistando il classico vaso panciuto, a Dresda per la precisione, e facendolo tutti gli anni, prima con l'assistenza di persone amiche, e poi in seguito con piccole varianti, a seconda della qualità della frutta disponibile, dell'estro e del tempo a disposizione.
Farlo è molto facile, basta seguire alcune precise indicazioni. Primo, il Rum Pot che deve essere di terracotta smaltata all'interno e con apposito coperchio.
E' un vaso che difficilmente si può trovare in Italia, ma lo potete acquistare anche online. Ha la capienza di 4-5 litri, dimensione aurea per ottenere un buon Rumtopf.
In secondo luogo, il Rum. In Germania si utilizza un particolare Rum a 55°, ma si può tranquillamente usare del Rum a 40-42°, meglio bianco, più secco rispetto alla versione scura.
Il procedimento è molto semplice: ogni mese si aggiunge un frutto diverso, lo si fa macerare per un’ora con lo zucchero.
Si mette poi la frutta nel vaso insieme al rum, coprendola completamente, per evitare la proliferazione di muffe, facendolo riposare in un luogo asciutto e fresco, al buio.

Ingredienti

Frutta di stagione q.b.
Rum q.b.
Zucchero q.b. (io utilizzo una proporzione del 40% sul peso della frutta, per non addolcire troppo la frutta che, in genere, è già dolce di suo).

Preparazione

1. Lavate, asciugate e mondate la frutta, cospargetela con lo zucchero e lasciate macerare per 1 ora.
2. Versate la frutta nel vaso e aggiungete rum fino a coprirla completamente. Il rum andrà aggiunto ogniqualvolta si aggiunge un nuovo tipo di frutta.
3. Chiudete ermeticamente il vaso con uno strato di pellicola per alimenti, facendola aderire per bene al bordo, per far sì che l’alcool non evapori. Coprite con il coperchio in terracotta.
4. Lasciate riposare il vaso in un luogo fresco e al buio.

Il calendario da rispettare è il seguente, lavando e asciugando bene la frutta:
Aprile: fragole, tagliando a metà le più grosse
Maggio: ciliegie, private del picciolo e snocciolate
Giugno: pesche e/o albicocche,  denocciolate e tagliate a pezzetti
Luglio: prugne bianche e viola, denocciolate e tagliate a pezzetti
Agosto: frutti rossi come more, lamponi, mirtilli, ribes
Settembre: uva, tagliando gli acini a metà e privandoli dei vinaccioli
Ottobre: pere, sbucciate, tagliate a spicchi
Novembre: ananas, polpa tagliata a dadini.
Personalmente mi fermo a settembre, in quanto la mia esperienza mi dice che dall'ultimo frutto alla sua apertura è bene che trascorrano almeno due mesi. Ma ognuno deciderà sulla base dei propri gusti.
Stampa ricetta in PDF

Condividi con:

Cerca per ingrediente

Cerca altre ricette sul nostro sito, inserisci il tuo ingrediente preferito e fatti consigliare la ricetta del giorno:

I Soci si raccontano

16 giugno 2017

Nel giardino dei ciliegi di Sergio

Il giardino dei ciliegi è a poca distanza dalla mia casa, sulla Via degli orti, dopo un cancello e un viale alberato. E' un piccolo borgo, una grande aia con tanti gatti e tavoli per mangiare all'aperto. Sì, perché Sergio Gubellini, oltre al podere, ha anche un Agriturismo dove si mangia e balla.
Continua a leggere
15 maggio 2017

Da Roberto le fragole hanno il sapore di una volta...

Se c'è un posto in cui le fragole hanno il dolce e intenso sapore di una volta, questo è il podere di Roberto a Santarcangelo di Romagna, là dove la Via degli Orti inizia a vedere il mare, l'aria si fa più tersa e la luce più luminosa. Roberto Fabbri, romagnolo purosangue, mi accoglie con il sorriso aperto di chi è convinto di stare dalla parte giusta, di quelli che lavorano anche 20 ore al giorno, e che alla sera, chiudendo l'azienda agricola sanno che hanno fatto di tutto per darti i prodotti migliori della loro terra.
Continua a leggere
21 ottobre 2016

Non far sapere al contadino quant'è buono il formaggio con le pere

Quest'adagio lo conosciamo tutti. Dietro a questa frase c'è tanta storia contadina, i rapporti fra padrone e contadino, quando quest’ultimo era tenuto in piena soggezione e tutti i prodotti migliori venivano sottratti per la mensa del proprietario. Bisognava tenere pertanto il contadino all'oscuro di queste prelibatezze per evitare che si trattenesse i prodotti per sé.
Continua a leggere
10 agosto 2017

Le pesche di Marco sono dei gioielli di bontà

Non so se vi è mai capitato di frequentare o visitare un artigiano che, grazie alla sua sapienza e manualità, produce pezzi unici.Non so se vi è mai capitato di frequentare o visitare un artigiano che, grazie alla sua sapienza e manualità, produce pezzi unici. Che sia un ebanista, un orafo o un tessitore, ciò che colpisce è la fantasia, la dedizione, la passione che mettono nel loro lavoro.
Continua a leggere
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie.   Maggiori informazioni