Oggi in tavola

Zuppa di lenticchie e patate

Livello di difficoltà:

Tempo: 2 ore

Persone: 4

Le ricette di Maria Elena

Ci stiamo avvicinando all'ultimo giorno dell'anno e la tradizione più antica vuole che come accompagnamento al piatto forte del cenone di Capodanno, sia esso zampone o cotechino, le lenticchie non manchino.
Sono un antico simbolo di prosperità, nell'antica Roma si usava regalare una borsa piena di lenticchie con l'augurio che questi legumi a forma di lente e per questo simili a delle monete, si trasformassero per davvero in denaro sonante.

Le lenticchie si sposano bene poi benissimo con la carne di maiale, e anche con i sapori affumicati: lenticchie e pancetta, lenticchie e cotechino, ma anche con il salmone affumicato.
Le lenticchie sono usate anche per preparazioni come zuppe e minestre, e su questo vorrei soffermarmi, per una variazione al vostro menu di capodanno, proponendovi una zuppa di lenticchie e patate quale alternativa salutare a primi elaborati o quantomeno ipercalorici.

Usiamo, in questo caso, un prodotto che proviene da zone in questo momento in difficoltà, cercando di aiutarle e sostenerle. Buon 2017!

 

Ingredienti

250 g di Lenticchie di Castelluccio di Norcia IGP
1 costola di sedano
1 carota
1 cipolla
1 spicchio di aglio
1 foglia di alloro
1-2 pomodori a grappolo
300 g di patate
Brodo vegetale q.b.
Olio evo
Sale e pepe q.b.

Preparazione

Mondate il sedano e la carota, lavateli e tagliateli a piccoli pezzi; sbucciate e affettate finemente la cipolla; sbucciate e tritate l’aglio. In una casseruola scaldate 4 cucchiai di olio evo, versateci le verdure e fate rosolare il tutto.
Unite le lenticchie, che avrete sciacquato sotto l’acqua corrente, lasciatele insaporire a fuoco vivace per 5-6 minuti, quindi versate il brodo caldo necessario a coprirle abbondantemente ed unite la foglia di alloro.
Aggiungete i pomodori tagliati a spicchi, a cui avrete tolto buccia e semi dopo averli sbollentati in acqua.
Coprite e lasciate sobbollire la zuppa per circa 1 ora.
A questo punto unite le patate che avrete sbucciato e tagliato a dadini, togliete la foglia di alloro. Regolate di sale e pepe e proseguite la cottura per altri 20 minuti.
Servite la zuppa calda, condendola con un filo di olio evo.
Stampa ricetta in PDF

Condividi con:

Cerca per ingrediente

Cerca altre ricette sul nostro sito, inserisci il tuo ingrediente preferito e fatti consigliare la ricetta del giorno:

I Soci si raccontano

26 settembre 2016

Se andate per patate, scegliete quelle di Stefano!

Settembre è il mese ideale per farsi un po' di scorta di patate per le stagioni più fredde. E anch'io ho voglia di patate buone e come sapete lungo la Via degli Orti non mancano. Oggi vi racconto del mio incontro con Stefano Cavina, socio Agribologna, che ha i suoi campi là dove la nostra strada sale verso la collina
Continua a leggere
19 settembre 2016

Cipolle dorate, bianche, rosse? Le migliori sono quelle di Loris

A me piacciono le cipolle. Non è un mistero. Nemmeno per chi viene a trovarmi quando sanno che ho fatto il friggione o il tortino di patate, pomodori e cipolle, piatti che mi riescono bene, e che vengono letteralmente divorati. Ma il vero merito non è la mia abilità culinaria, ma la materia prima: le cipolle di Loris!
Continua a leggere
14 ottobre 2015

La Via delle Patate

Ebbene sì! La nostra Via degli Orti ha molte strade laterali, come gli affluenti per i fiumi. E una di queste strade, a volte ampie, a volte strette e sterrate o semplici viottoli di campagna, è la Via delle patate. Si trova fra la prima collina e la pianura, in una zona che degrada verso il mare, che, seppur lontano, le conferisce una atmosfera di serenità, di dolce rilassatezza che ti concilia con la vita.
Continua a leggere
30 ottobre 2017

Da Massimo Tufo la lattuga iceberg ha un cuore vero

Incontrare Massimo vuol dire entrare in contatto con il mondo contadino della Romagna, là dove la Via degli Orti è ormai prossima al mare, e sopratutto incontrare la saggezza romagnola mixata con la tenacia di chi ha le spalle generazioni di agricoltori, mostrata prima al Sud, da dove è venuto, e poi qui, per rimodellare una campagna generosa.
Continua a leggere
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie.   Maggiori informazioni